Vai ai contenuti della pagina
  • rsu
  • rsu

Enti locali, Faverin: "Il salario accessorio non deve essere restituito"

Pubblicato in: News Regione - Autonomie locali il 01.03.2014 - Allegati: 1 documento

faverin
Enti locali, Faverin: "Il salario accessorio non deve essere restituito"

Articolo del Segretario Generale CISL FP, Giovanni Faverin, pubblicato nel quotidiano Italia Oggi.

Sulla questione del salario accessorio dei lavoratori comunali bisogna scegliere la via corretta, non quella più breve. E la via corretta è quella che salvaguarda i servizi ai cittadini, le retribuzioni di lavoratori, la richiesta forte delle comunità per un welfare locale che faccia meglio e che sprechi meno. Il giusto risanamento dei bilanci dei comuni, non va perseguito accanendosi sulle risorse più facilmente drenabili (il salario di produttività dei lavoratori), ma strappandole agli sprechi, alle diseconomie e alla spesa improduttiva.
Utilizzando gli strumenti adeguati, vale a dire i piani di razionalizzazione. L'emendamento al dl enti locali, confluito ora in uno schema di decreto, va esattamente in questa direzione. Sono aumentati negli ultimi tempi i casi di amministrazioni locali che, a seguito di ispezioni del Mef sulla gestione impropria del bilancio, hanno pensato di seguire la strada più breve chiedendo ai lavoratori di restituire quote di salario accessorio già percepite, per illegittimo incremento del fondo da parte dell'amministrazione o per presunta incoerenza coi criteri previsti dai contratti nazionali di lavoro. La situazione è molto delicata e va affrontata con senso di responsabilità.