Vai ai contenuti della pagina
  • rsu
  • rsu

CNEL su “Il lavoro delle donne in Italia” - Osservazioni e proposte

Pubblicato in: News Politiche Sociali il 04.08.2010 - Allegati: 1 documento

foto
Gli studi di genere o gender studies, come vengono chiamati nel mondo anglosassone, rappresentano un approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati socio-culturali dell' identità di genere. Questi studi non costituiscono un campo di sapere a sé stante, ma rappresentano innanzitutto una modalità di interpretazione. Sono il risultato di un incrocio di metodologie differenti che abbracciano diversi aspetti della vita umana, della produzione delle identità e del rapporto tra individuo e società, individuo e cultura. Per questo motivo una lettura "gender sensitive", attenta agli aspetti di genere, è applicabile a pressoché qualunque branca delle scienze umane, sociali, psicologiche e letterarie, dalla sociologia alle scienze etnoantropologiche, alla letteratura,teologia, politica, demografia ecc. Gli studi di genere sono caratterizzati da una impronta politica ed emancipativa. Sono infatti connessi alla condizione femminile e a quella di soggetti minoritari. Non si limitano quindi a proporre teorie e applicarle alla analisi della cultura, ma mirano anche a realizzare cambiamenti in ambito della mentalità e della società. Sono legati alle minoranze etniche e linguistiche e spesso si occupano di problematiche connesse a oppressione razziale ed etnica, sviluppo delle società postcoloniali e globalizzazione